Share
" />
Back to home
in Abiti identità

No al conformismo, sì all’autenticità

  • 30 Maggio 2016
  • By Paola Pizza
  • 0 Comments
No al conformismo, sì all’autenticità

No al conformismo, sì all’autenticità e all’originalità. L’autenticità nella moda è essere in contatto con la parte più vera di sé, senza usare look-maschera per camuffare le parti ombra, o i desideri più reconditi. L’originalità è la capacità di esprimere creativamente, con abiti e accessori, la nostra unicità. Il conformismo è adeguarsi per paura, e senza piacere.

La moda ci rende liberi se la usiamo per esprimere la nostra vera identità e la nostra particolarità.

Stile assertivo nel rapporto con la moda

A proposito del dress code imposto da Daria Bignardi*: no al conformismo, si all’autenticità

* riferito a maggio 2016

Quali parti ombra ha voluto coprire Daria Bignardi* con il dress code imposto alle conduttrici quando è arrivata alla direzione di Rai3? Niente tacchi 12, niente scolli, niente tubini neri, niente nero o colori arditi, niente orecchini vistosi, niente trucco pesante. Oh mio dio, quante regole!

Alto là alla sessualità, al gioco dei ruoli, alla comunicazione delle proprie emozioni, al potere, all’identità personale espressa da abiti, tacchi e accessori.

Avanti tutta alle tranquillizzanti tinte tenui, ai solidi tacchi bassi, al trucco leggero, agli scolli che arieggiano solo il collo, ai monili sobri, a gonne, pantaloni e camicette che diventano la divisa della brava conduttrice di Rai 3.

Che tristezza il conformismo obbligato nella moda! L’identità sociale è una scelta, e non una imposizione. Possiamo scegliere con piacere di adeguarci al look del nostro gruppo quando è molto forte il senso di appartenenza e l’identificazione: in questo caso ci farà piacere vestire “il look del gruppo” perché comunica i nostri valori. Ma quando qualcuno ci impone una divisa che limita l’espressione del nostro sé (anziché arricchirla), sentiamo che la nostra libertà è compromessa e per il meccanismo della reattanza psicologica, proviamo una voglia inarrestabile di ripristinare la libertà.

No al conformismo, si all’autenticità – a proposito del dress code a Rai 3

Che noia le brave ragazze!

Mi auguro che per effetto di questo meccanismo molte donne, anche se non colpite dall’editto Bignardi, provino la voglia incontenibile di calzare tacchi 12 e di osare nella moda . Perché mai dovremmo rinunciare a scegliere il look che ci fa sentire più sicure e che aumenta la nostra autostima?

Perché mai dovremmo sacrificare la nostra unicità all’altare della sobrietà e del perbenismo?

L’assertività è il rispetto di se stessi coniugato al rispetto per gli altri, per dirla con Berne, Io sono Ok, tu sei Ok. Si può essere assertivi anche nella moda. Ma nel mondo del dress code di Rai 3 sembra che per essere Ok si debba imbrigliare e  mascherare la propria unicità e la propria creatività. Che noia, le brave ragazze! Liberiamo la Lilith che è in noi. Via la maschera, inventiamo noi stesse e definiamo soggettivamente il nostro sé con abiti e tacchi. Viva il potere della moda!

Share
By Paola Pizza, 30 Maggio 2016
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

about paola
Paola Pizza

Ciao, sono Paola Pizza,
psicologa della moda.
Nel lavoro ho unito due grandi passioni: la psicologia e la moda.
Iniziamo insieme un viaggio tra i significati profondi della moda.

Continua a leggere...






Vuoi comparire in questo spazio pubblicitario?
Contattami