Share
" />
Back to home
in L'immagine parla

Come ci vestiremo dopo il coronavirus?

  • 9 Aprile 2020
  • By Paola Pizza
  • 2 Comments
Come ci vestiremo dopo il coronavirus?

Il coronavirus ha cambiato il nostro rapporto con la moda? Come ci vestiremo alla ripartenza? Abbiamo tutti una gran voglia di sole, di luce, di colore. Credo che cercheremo di dimenticare la paura, l’angoscia e le restrizioni e metteremo in atto alcuni meccanismi di difesa dell’Io che influenzeranno anche il nostro modo di vestire. Come ci hanno insegnato Sigmund Freud, Anna Freud e Melania Klein, l’Io per proteggersi da emozioni negative, ansie e angosce, ricorre a meccanismi mentali. Attraverso questi meccanismi l’Io rimuove dalla coscienza idee e sentimenti che provocherebbero sofferenza.

Come ci vestiremo dopo il coronavirus? I meccanismi di difesa per tornare alla normalità

Quali sono i meccanismi di difesa che metteremo in atto per tornare ad una vita normale e come influiranno sul nostro modo di vestire? Ognuno di noi affronta in modo diverso le tensioni e i conflitti, e risponde con diversi comportamenti, diversi pensieri, diverse tattiche di difesa. Vediamone alcune:

  • Rimozione. Cerchiamo di tenere lontani pensieri, emozioni ed esperienze disturbanti. Come ha scritto Sigmund Freud, l’essenza di questo meccanismo “consiste semplicemente nell’espellere e tener lontano qualcosa dalla coscienza”.
  • Annullamento. Tentiamo di riparare simbolicamente o di negare emozioni e sentimenti che abbiamo provato in un determinato periodo, impegnandoci a ritornare alla vita che avevamo prima.
  • Formazione reattiva.  Sostituiamo emozioni e pensieri che sono fonte di stress con comportamenti opposti, più audaci, più intrepidi.
  • Razionalizzazione. Tendiamo a ricorrere in modo eccessivo al pensiero astratto e razionale per evitare di provare emozioni negative.

Ecco come ci vestiremo dopo il coronavirus

Chi utilizzerà in particolare i primi due meccanismi che ho elencato (Rimozione e Annullamento), tenderà a ricercare la tranquillità e la normalità. Avrà voglia di riprendere il suo stile abituale, di tornare a fare shopping, di riscoprire le corse frenetiche e i momenti di relax. Di ripristinare una routine conosciuta e perciò tranquillizzante. Di riaprire l’armadio e ricominciare con la ricerca affannosa del “cosa mi metto?” “Meglio questo o l’altro?” “Che colore scelgo stamattina?” “Cosa ne penseranno gli altri?”.

Coloro che ricorreranno prevalentemente al meccanismo della Formazione reattiva, avranno probabilmente voglia di cambiare, di uscire dagli schemi del proprio stile abituale e di osare con audacia, con nuovi capi, con nuovi colori, con abbinamenti insoliti, con capi di tendenza, con accessori grintosi. Metteranno il loro vecchio stile in naftalina e ne sfoggeranno uno audace e trasgressivo, opposto al precedente.

Le persone che tenderanno invece a tenere sotto controllo i pensieri negativi con il meccanismo della Razionalizzazione, privilegeranno pensieri deduttivi e intellettualizzazioni su cosa abbiamo imparato da questo periodo. L’ambiente è meno inquinato e dobbiamo mantenerlo così, lo smart working è una risorsa e sarà bene ricordarselo, smettere di correre freneticamente ci ha fatto riscoprire le emozioni, avere riscoperto un corpo tonico è salutare e dobbiamo continuare con la ginnastica. E così via. Andranno alla ricerca di capi, tessuti e colorazioni eco friendly, di uno stile comodo e rilassato, o continueranno ad utilizzare tute e sportswear.

Come ci vestiremo dopo il coronavirus: la voglia di colore e leggerezza

Identità e abbigliamento dopo il coronavirus

Credo che ognuno di noi cercherà una compensazione a quello che gli è particolarmente mancato in questo periodo nel rapporto con la moda, e lo farà in relazione alla diversa identità e al tipo di personalità.

Chi ha una spiccata Identità personale:

  • ha probabilmente vissuto male la difficoltà ad esprime con l’aspetto esteriore il proprio ruolo e la propria unicità. La comunicazione di sé, con video conferenze e video chiamate, è stata relegata ad una piccola parte del corpo, limitando l’effetto delle prime impressioni a pochi segnali. Sono mancate inoltre le gratificazioni e le conferme che provengono dagli altri.
  • avrà voglia di abiti e accessori che confermano a sé e agli altri il ruolo lavorativo, come tailleur, abiti formali, giacche, borse da lavoro, occhiali. Cercherà anche di far prevalere gli aspetti unici del sé con accessori di lusso, colori, capi particolari e insoliti, che gli permetteranno di differenziarsi dagli altri e di gratificarsi.

Chi ha una spiccata Identità sociale:

  • ha sentito la mancanza della vita sociale e dei riti collettivi: degli aperitivi, degli incontri con gli amici e della quotidianità con i colleghi. Gli sono mancati il confronto con gli altri, le conferme sociali, la rassicurazione che deriva dal sentirsi appartenente ad un gruppo e dal condividere con gli altri uno stile di vita e dei valori.
  • privilegerà un look che rafforza il senso di appartenenza al proprio gruppo e conferma uno stile di vita. Avrà voglia di leggerezza e divertimento e sceglierà trucco, accessori di tendenza, capi colorati, lusso e oggetti cult. Desidererà anche ritornare ad un business look condiviso con i propri colleghi di lavoro, business formal o business casual. E amerà anche i capi che confermano l’appartenenza ad un gruppo sportivo, come l’abbigliamento da runners, da bikers, da golf, da tennis.

Personalità e abbigliamento dopo il coronavirus

Per quanto riguarda invece i diversi modi di vivere la moda dopo la quarantena in base alla personalità, possiamo distinguere tra:

  • personalità ad alto monitoraggio che tendono ad usare la moda nel rispetto delle regole sociali e sono molto attenti agli altri. Torneranno a seguire le diverse mode e le tendenze, a seguire uno stile glamour e modaiolo, a ricercare consigli su come curare la propria immagine, a desiderare oggetti cult;
  • personalità a basso monitoraggio, che nel rapporto con la moda privilegiano i propri valori, la propria libertà dai condizionamenti, e vogliono sentirsi liberi di affermare con coerenza i propri atteggiamenti e i propri gusti. Per loro prevarrà il desiderio di uno stile più libero, meno strutturato, con meno imposizioni, più in sintonia con l’ambiente e creativo.

Se vuoi sorridere un po’ sulla nostra quotidianità in quarantena, ecco un elenco semi serio sui diversi modi di vivere la moda in casa. In quale stile ti ritrovi? E tu che stile hai adottato?

E adesso torniamo a comunicare con la moda

Ora che tutto riparte, deve ripartire anche il modo di comunicare noi stessi sul lavoro e nella vita sociale, attraverso abiti e accessori.

Alcuni, in questa fase di quarantena, hanno dimenticato il loro Sé Interpersonale che deriva dalle interazioni con gli altri, e hanno indugiato sul loro Sé Privato, percependosi soltanto in relazione all’ambiente fisico della casa e alla dimensione privata.

Abbiamo osservato persone in tuta o in maglietta, con i capelli spettinati e senza trucco alle riunioni di lavoro on line, o agli aperitivi con gli amici su Skype. Alcuni hanno dimenticato che gli abiti sono un modo per mostrare la propria identità e che sul lavoro, anche quella dell’azienda. La domanda è semplice: l’abbigliamento che sto usando per la riunione on line, lo metterei in studio o in azienda? E quello che uso per l’aperitivo con gli amici, lo indosserei ad un appuntamento?

C’è inoltre un’altra considerazione da fare: ognuno di noi conosce sé stesso anche in relazione alla propria immagine riflessa. Ed è perciò molto difficile percepirsi come professionali e autorevoli, in maglietta e tuta, o indossando la giacca sopra i pantaloni del pigiama. O affascinanti e socievoli con il pile e la pinza di plastica sui capelli trascurati. In questo momento abbiamo bisogno di una buona autostima per affrontare tutte le sfide della ripartenza.

Come diceva Karl Lagerfeldi pantaloni della tuta sono un segno di sconfitta” e dimostrano che “si è perso il controllo sulla propria vita”, se si usano fuori dal contesto giusto.

Lo Smart Working richiede nuove competenze comunicative tra le quali il Business Look. Sei consapevole di ciò che comunichi di te sul lavoro?

Immagine gentilmente concessa da Suite 43

Come dovrà cambiare la vendita di moda alla ripartenza?

Credo che i clienti chiederanno sempre più servizi, soprattutto online, e che sarà necessaria una consulenza di qualità che guardi al profondo e non si fermi alla sola immagine. Non si può continuare a ripetere quello che è sempre stato fatto nel passato. Il coronavirus ci ha insegnato a credere nella scienza e a non rimanere in superficie. Serve una consulenza che sia basata su basi scientifiche, come quelle proposte dalla psicologia della moda, che offre un nuovo approccio alla moda centrato sull’autenticità del vero sé. Molte aziende stanno riscoprendo in questo periodo la necessità di guardare alla moda in modo diverso. Quando Giorgio Armani dice che la moda deve diventare più rispettosa della persona, parla al cuore della psicologia della moda, che si batte da tempo su questo tema. Speriamo che adesso sempre più aziende riscoprano l’importanza della psicologia della moda e la utilizzino per la formazione on line del personale di vendita, per l’organizzazione di eventi, per la consulenza ai clienti. La moda non è solo apparenza, ma è un linguaggio che fa parlare la psiche e contribuisce a definire l’identità.

Un esempio di cambiamento: lo store Suite 43

Partendo dalla maggiore consapevolezza di noi che ha caratterizzato questo periodo di quarantena forzata, lo store Suite 43, propone alle sue clienti di cambiare look e di trovare un nuovo stile che non si fermi all’immagine, ma colleghi corpo e psiche. Ha proposto alle sue clienti un nuovo servizio di consulenza con il progetto Fashion Therapy per Suite 43 . Le clienti hanno la possibilità di prenotare sulle pagine Facebook dello store un colloquio di Fashion Therapy su Skype con me, e di ricevere i miei consigli su come rendere il look più in sintonia con la loro identità. Troveranno poi, da Suite 43, una scheda di Loretta Valentino, esperta Fashion consultant e fondatrice di Suite 43 che unendo la sua formazione artistica all’interesse per la psicologia della moda, trasforma i miei consigli in abiti e accessori da indossare. Gli abiti potranno essere provati e fotografati, per partecipare al contest Un abito per la tua identità sulle pagine Instagram e Facebook di Suite 43.

Il nuovo look di Bianca Guaccero nel backstage di Detto Fatto, con gli outfit proposti da Suite 43 in base ai miei consigli di Fashion Therapy
Foto gentilmente concessa da Suite 43

La mia intervista a Vanity Fair su come ci vestiremo dopo il coronavirus

Su questo argomento leggi anche la mia intervista a Federico Rocca Come si cambia su Vanity Fair n. 16-17, e su VanityFair.it nell’articolo L’uomo del futuro: come si cambia, del 26 aprile 2020.

Share
By Paola Pizza, 9 Aprile 2020
  • 2
2 Comments
  • Gabriella
    11 Aprile 2020

    Ciao Paola,leggo sempre con piacere i tuoi commenti sulla moda,certamente dopo questa quarantena forzata avremo bisogno di tornare a sorridere e divertirsi anche se sarà dura . Grazie!

    • Paola Pizza
      12 Aprile 2020

      Grazie a te e a tutte le amiche e gli amici che in questo periodo difficile hanno navigato sul blog, e dialogato con me, in cerca di un po’ di leggerezza o di un nuovo progetto da portare avanti, trasformando la quarantena in opportunità di crescita. Un abbraccio virtuale a tutti voi #celafaremo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

about paola
Paola Pizza

Ciao, sono Paola Pizza,
psicologa della moda.
Nel lavoro ho unito due grandi passioni: la psicologia e la moda.
Iniziamo insieme un viaggio tra i significati profondi della moda.

Continua a leggere...






Vuoi comparire in questo spazio pubblicitario?
Contattami