Share
" />
Back to home
in Psycho Look

La perfezione non esiste

  • 12 Settembre 2019
  • By Paola Pizza
  • 0 Comments
La perfezione non esiste

La perfezione non esiste, ma per molti è una vera e propria ossessione. La bellezza è fatta di diversità e indubbiamente non c’è un solo tipo di bellezza, ma per alcuni accettarsi è difficile. Sono molte le persone che sbagliano obiettivo e vanno alla ricerca di quell’immagine perfetta che non riusciranno mai a raggiungere. Dovrebbero piuttosto guardarsi dentro, scoprire la loro forza e puntare sulla bellezza dell’imperfezione.

Come ha scritto Carl Gustav Jung, “Non c’è luce senza ombre e non c’è pienezza psichica senza imperfezioni. La vita richiede per la sua realizzazione non la perfezione, ma la pienezza. Senza l’imperfezione non c’è né progresso, né crescita”.

La diversità è bellezza

Ci sono modelle che, con grinta, hanno trasformato le loro imperfezioni un punto di forza. I loro piccoli o grandi punti deboli hanno fatto sì che fossero notate e scelte, proprio per favorire una comunicazione fuori dagli schemi e dalle regole rigide. È il caso di Winnie Harlow che ha la vitiligine ed è riuscita a rompere la regola imperante della perfezione imponendo una nuova fisicità. “Perché siamo disposti ad accettare un solo tipo di bellezza? – ha dichiarato – io voglio rovesciare questa idea, e nel mio piccolo ci sono riuscita”. Ha sfilato per Desigual, Diesel ed è stata uno degli angeli di Victoria’s Secret. Ci sono riuscite anche Georgia May Jagger, Vanessa Paradise, Ashley Smith che hanno uno spazio tra i due denti incisivi (diastenia). Ha detto una di loro “se avessi messo la macchinetta ai denti, adesso sarei al verde”!

Accettare l’imperfezione è un modo per uscire dalla conformità. Come ha affermato Renzo Rosso (Diesel), “sono sempre stato più interessato all’imperfezione, perché è quello che spicca dalla massa”.

La ricerca della perfezione è un fattore di vulnerabilità

L’epidemia perfezionista porta ossessivamente a mascherare tutto ciò che nell’aspetto è debole, fuori dalla norma o dissimile dal modello di eleganza o di bellezza imperante.

“Siamo perfetti nelle nostre imperfezioni”, dice lo psicologo Hewitt, che per oltre 30 anni ha studiato la perfezione, definendola “un modo per essere nel mondo” attraverso “un tratto di personalità maladattivo”.  

C’è una differenza fondamentale tra chi cerca la perfezione e chi invece cerca di migliorare la propria immagine. La perfezionista e il perfezionista si concentrano su tutto ciò che non va, mossi dalla paura del fallimento, e si chiedono, “Cosa penseranno gli altri del mio aspetto?”.

Chi cerca di migliorare il proprio aspetto si domanda, “Cosa posso fare per valorizzarmi?” e si concentra sulle cose da fare: un nuovo taglio di capelli, un nuovo colore da indossare, un abito con uno stile diverso, accessori più grintosi o più romantici, un abbonamento in palestra o un corso di danza del ventre! Chi cerca la perfezione è sempre preda dell’ansia, chi cerca di migliorarsi gode dei risultati raggiunti e ne è felice.

Le caratteristiche dei perfezionisti

Chi si aspetta la perfezione si valuta in modo ipercritico e pretende la perfezione anche negli altri, con una severità di giudizio che lascia poco spazio alle relazioni.

L’ immagine di sé che desidera proporre è ineccepibile e impeccabile, senza nessuna sbavatura, secondo regole ferree di stile, di abbinamento, di scelta di colori. Credo, invece, che sia infinitamente più importante essere felici con la moda, che non seguire i diktat dei Si può e Non si può. La moda è gioco e piacere. Se togliamo la sessualità, dov’è il divertimento?

Chi persegue la perfezione cerca:

  • di guadagnarsi approvazione, accettazione e affetto dagli altri
  • di costruirsi uno scudo per neutralizzare la vergogna che deriva dal non sentirsi abbastanza vincente

Come scrive Brenè Brown (I doni dell’imperfezione), “il perfezionismo è un sistema di valori autodistruttivo che crea dipendenza, perché la perfezione non esiste e non esiste un modo per essere percepiti come perfetti dagli altri. (….) La paura di condividere con gli altri qualcosa di imperfetto porta ad una paralisi esistenziale. Si perdono occasioni per non rischiare di essere imperfetti”. Per quanto tu cerchi il capo perfetto, l’abbinamento perfetto, il colore perfetto, non riuscirai mai a trovarlo se non parti dalla tua identità. È dentro di te che devi cercare ispirazione.

Abbandona l’idea della perfezione e accettati

Sii gentile con te e cerca di accettare chi sei, con tutti i tuoi pregi e con tutti i tuoi difetti. Essere autentici vuol dire avere il coraggio di essere imperfetti. Non cercare a tutti i costi di piacere agli altri, né di conformarti a un modello ideale. La tua unicità è il vero valore. Gli altri ti apprezzeranno molto di più se trovi uno stile di abbigliamento che ti rappresenta e ti definisce come una persona unica. Non serve essere bellissimi, con un corpo statuario, una pelle di porcellana e una chioma fluente per avere stile. Lo stile nasce da dentro.

Impara a riposizionare lo zoom

Smetti di preoccuparti del giudizio degli altri e impara a volerti bene e ad avere un rapporto gentile e tollerante con i tuoi punti forti e i tuoi punti deboli. Tutti li abbiamo.

In una immaginaria foto, i perfezionisti azionano lo zoom sui propri difetti (reali o immaginati), ma se provassero a togliere lo zoom e ad aumentare la grandezza del quadro, riuscirebbero a vedere sé stessi insieme agli altri. Se lo sguardo è all’insieme, è facile ridimensionare il proprio difetto e rendersi conto che anche altri hanno corpi morbidi (non è più bello definirli così che non sovrappeso?), capelli ribelli, nasi non proprio alla francese, altezze e fisici non proprio da top model photoshoppizzate. Quando siamo in connessione con noi stessi e con gli altri, con più facilità possiamo renderci conto che, non saremo perfetti, ma siamo pur sempre NOI! Con la nostra storia, la nostra forza, il nostro valore.

Le emozioni che ci fanno paura

L’emozione che scatena il perfezionismo è la vergogna, una emozione di cui non ci piace affatto parlare.

Ci vergogniamo, ad esempio, per un look imperfetto che temiamo possa demolire la nostra immagine pubblica e non farci rialzare più, definendoci come perdenti. O per il nostro fisico.

Brené Brown definisce la vergogna come “la sensazione o l’esperienza intensamente dolorosa di credere di essere difettosi e quindi indegni di amore e appartenenza”.

Reagisci alla paura di non essere perfetta/perfetto

Non cercare di anestetizzare i sentimenti negativi con i meccanismi di difesa (ad esempio, buttandoti nel lavoro, nello shopping o in qualsiasi dipendenza). Affronta la vergogna e la paura di non essere perfetta o perfetto.

Chi si vergogna del proprio aspetto spesso adotta comportamenti che non producono benessere e felicità. Tu come reagisci? C’è chi si allontana dagli altri nascondendosi in sé stesso, c’è chi cerca di piacere e compiacere gli altri, e c’è chi reagisce criticando e attaccando gli altri.

Ecco cosa puoi fare per affrontare le emozioni negative e superarle:

  • Riconosci la vergogna e la paura, collocandole in episodi specifici. Io ricordo ancora quando durante l’adolescenza entrai in una chiesa vestita con pantaloni di velluto rosso, camicia rossa, cintura blu stretta in vita e lunghi capelli al vento, mentre si svolgeva un funerale. Mi sono rimasti impressi gli sguardi delle persone e il mio imbarazzo paralizzante. Ma un episodio di vergogna non è la totalità del nostro valore. Ognuno di noi è definito da qualcosa di molto più ampio che un singolo scivolone.
  • Non ingigantire le emozioni negative. Un episodio è pur sempre un episodio.
  • Non far crescere la vergogna mantenendola segreta. Un episodio di vergogna perde potere se lo racconti con ironia.
  • Riconosci il dialogo interno che alimenta la tua paura di essere inadeguata/inadeguato. Cosa ti dici? Che aspettative hai?
  • Riesamina le cose con senso di realtà e chiediti: “ma cosa potrà mai succedermi se il look non è perfetto?”; e soprattutto “chi determina cosa è perfetto?”; “che prove ho che gli altri cerchino in me la perfezione?”; “un eventuale errore può veramente definirmi per sempre?”; “che prove ho a conferma di quello che penso sul mio aspetto?“

La bellezza dell’imperfezione. Fanne il tuo punto di forza

Un’imperfezione nel nostro aspetto può diventare un punto di forza se lo accettiamo e lo rendiamo espressione della nostra unicità. La diversità attrae e accende la fantasia, facendoci uscire dalla conformità. Un naso importante può aggiungere carattere al nostro volto, un fisico morbido può aumentare la sensualità.

La mitica Iris Apfel, 98 anni e ancora icona di moda, dice di sé: “Non sono bella e non lo sono mai stata. Ma ho qualcosa di infinitamente più importante: lo stile”

Credi in te, gioca con la moda e usa la creatività per definire la tua immagine. E soprattutto vogliti bene per quello che sei!

Concludo con le parole di Frida Kahlo:

“Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev’essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io. Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me. Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te. Non appartengo a nessuna categoria”.

Share
By Paola Pizza, 12 Settembre 2019
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

about paola
Paola Pizza

Ciao, sono Paola Pizza,
psicologa della moda.
Nel lavoro ho unito due grandi passioni: la psicologia e la moda.
Iniziamo insieme un viaggio tra i significati profondi della moda.

Continua a leggere...






Vuoi comparire in questo spazio pubblicitario?
Contattami