Share
" />
Back to home
in Psycho Look

Liberare il piacere nel rapporto con la moda

  • 12 Gennaio 2020
  • By Paola Pizza
  • 0 Comments
Liberare il piacere nel rapporto con la moda

Liberare il piacere. Questo dovrebbe essere l’obiettivo nel rapporto con la moda. Quando scegliamo un nuovo abito o un nuovo accessorio, quando apriamo l’armadio e osserviamo il nostro guardaroba, quando ci guardiamo allo specchio dopo aver indossato un capo che ci piace, l’impulso dominante dovrebbe essere quello del piacere (espressione della sessualità). Ma è per tutti così? O alcuni usano la moda come strumento di successo e di controllo lasciando agire l’impulso opposto al piacere, quello del potere (espressione dell’Io)?

Liberare il piacere e felicità

Come afferma lo psicoanalista Alexander Lowen, “senza la sensazione di piacere la felicità è soltanto una illusione (…) nel piacere la volontà si dissolve e l’Io cede la sua egemonia sul corpo” (Il piacere, p. 19).  Per essere felici con abiti e accessori dobbiamo quindi smettere di cercare la perfezione e di voler controllare il nostro corpo e lasciarci invece andare al piacere.  La moda porta nel nostro look il piacere della creatività e della sensualità con i colori, i modelli, i tessuti, i materiali, gli accessori e le infinite possibilità di abbinamento. Ognuno di noi può creare il proprio stile unico e particolare partendo dalla propria identità, senza lasciarsi condizionare.

Così dovrebbe essere il rapporto con la moda, secondo la visione di una psicologa. Ma è per tutti così? E soprattutto tutti i cosiddetti guru ed esperti di moda ci aiutano a viverlo così? Hanno a cuore il nostro piacere? Mi viene il dubbio che alcuni di loro cerchino il loro potere piuttosto che il nostro piacere. E potere e piacere non vanno d’accordo.

Indossare solo ciò che ci rende felici

“Il difetto principale della moda è che spesso si prende troppo sul serio – dice Mariagrazia Chiuri, direttrice creativa di Dior – credo che sia necessario ridarle un po’ di leggerezza e di gioia. Sarebbe bello indossare soltanto quello che rende felici” (Io Donna, 21-12-19, p. 44). Condivido in pieno questa osservazione. Mi pare davvero che alcuni consulenti di moda si prendano troppo sul serio e sostituiscano il loro bisogno di controllo alla libertà espressiva che dovrebbe essere l’obiettivo della moda. Anziché concentrarsi sulla sola immagine, la psicologia della moda guarda alla persona e mira a rimettere gioia ed equilibrio nel rapporto con il corpo e con l’immagine, rifuggendo dal conformismo e dal bisogno di perfezione e valorizzando la libera espressione con abiti e accessori.

Il principio del piacere dovrebbe dominare il rapporto con la moda e liberarlo da regole rigide e imposizioni. Se un capo ci piace, esprime la nostra identità e ci fa star bene, allora è il capo giusto per noi. Liberiamo il piacere nel nostro rapporto con abiti e accessori, e impariamo a dire no alle regole eccessive e al bisogno di controllo.

Indossa i colori che ti fanno sentire bene ed esprimono i tuoi desideri

I colori portano gioia ed emozioni nella nostra vita. Come sosteneva Kandinsky, “il colore è un potere che influenza direttamente l’anima”. Usiamoli con spontaneità, senza imbrigliare la loro forza espressiva. Se un colore mi piace, lo indosso perché racconta una parte di me. Poco importa se non è il colore di tendenza dell’ultima stagione o se, secondo i dettami del chromostyling che impazza su Instagram, non è adeguato al mio fototipo.

Questo non vuol dire non avere senso di realtà, ma essere liberi dal bisogno eccessivo di controllo. Se esprime la mia identità e le mie emozioni allora è il mio colore. I colori amati e detestati sono espressioni della nostra psiche, delle nostre emozioni e dei nostri conflitti, non possiamo ridurli solo ad un fatto estetico. Esprimono molto di più. Ed è proprio questo aspetto profondo, e non di superficie che la psicologia della moda cerca di mettere in luce. La bellezza viene da dentro, non può essere soltanto immagine.

La bellezza è piacere

Chi è che non desidera sentirsi bella, bello e attraente, valorizzandosi? Ma la bellezza dovrebbe essere spontaneità, gioia, piacere e non una imposizione dell’Io o del Super Io, con una sottomissione passiva alle regole estetiche o ai modelli dominanti.

Da psicologa trovo preoccupante il diffuso bisogno di semplificare la moda, riportando tutto a regole rigide (se sei così allora devi vestirti così). Ma la persona dov’è? Dov’è la sua originalità e il suo valore?

Il gioco del prima e dopo

I consulenti di moda non sono tutti uguali, alcuni distinguono perfettamente l’aiuto dal controllo e sanno dare consigli preziosi, ma altri sembrano invece voler controllare i clienti sostituendo la propria volontà alla loro.

Mi sono soffermata ad osservare la comunicazione non verbale di alcune persone che partecipano al gioco del “prima e dopo”, affidandosi nelle mani di un consulente che promette di cambiare la loro vita con un nuovo look.  I movimenti delle persone che vengono esaminate sono spesso tesi e i muscoli sembrano contratti. Mancano la grazia e la rilassatezza che caratterizzano chi è spontanea e felice. Per non vergognarsi e per non sentirsi colpevoli, sembrano intrappolate in una situazione dalla quale si può uscire solo sottomettendosi alle regole. E non è difficile capire il perché. Il trattamento è metodico: prima sono state guardate con occhio critico e censorio, poi è stato sezionato e bocciato senza remore il loro stile, e infine gli è stato detto come devono vestire e come devono costruire la propria immagine per essere accettabili.

Sentirsi in colpa quando non si ha una immagine perfetta

Dal punto di vista psicologico, viene stimolato il senso di vergogna che fa sentire inferiori. Per dirla con l’analisi transazionale, il consulente attivando lo stato dell’io Genitore persecutore mette l’altro nella posizione di Bambino sottomesso, dicendogli cosa deve fare per essere accettabile. In questo modo le persone sembrano dentro una spirale dalla quale è difficile uscire: la vergogna genera infatti senso di colpa e costituisce un ostacolo nell’accettare sé stessi.

Vengono spontanee una serie di domande: da dove viene questo bisogno di controllo? Perché alcuni consulenti hanno così bisogno delle regole? Perché pensano di capire la persona che hanno davanti meglio di chiunque altro (senza peraltro essere psicologi)? Perché pensano che il loro gusto sia perfetto e migliore di quello degli altri?

Il mio non intende essere un attacco alle consulenti di immagine. Ne conosco di bravissime che studiano la psicologia della moda convinte che l’immagine non sia tutto, collaboro con una consulente di moda per progetti che integrano psicologia della moda e consulenza di immagine. Vorrei stimolare, però, le scuole di formazione di moda e le aziende sull’importanza di cogliere il legame profondo tra immagine e psiche, e di non limitarsi alla sola superficie. La moda non deve essere ricerca della perfezione, ma felicità e piacere.

Come ha affermato Giorgio Armani alla chiusura dello show Emporio Armani “Be a poem” (alla settimana della moda milanese autunno/ inverno 2020-2021) la moda è libertà. Ogni donna dovrebbe trovare la propria poesia, essere libera dalle imposizioni e capace di scrivere da sola le regole del gioco per trovare la propria unicità. “Certa moda stupra le donne” ha detto con una affermazione forte.

Liberare il piacere. Moda e sessualità

La moda coinvolge la sessualità ed è espressione di un transfert seduttivo che la rende attraente e ammaliante. Basterebbe osservare i grandi nella moda per capire che lo sono diventati proprio sfidando le regole e giocando con la sensualità. La creatività è liberare il piacere e non esercitare il controllo. Richiede immaginazione e nasce dal desiderio di piacere e di esprimersi.

Alcuni però sembrano rimuovere completamente la sessualità dalla moda e ne fanno un percorso ad ostacoli fatto di norme, di proibizioni e di ricerca della perfezione. Cercano la sicurezza delle regole e la conformità, anziché la creatività e l’originalità come espressione di sé. Tutto ciò non può portare né felicità, né bellezza. Anziché liberare il piacere, si imbriglia il piacere.

La moda deve essere assertiva

Da psicologa della moda credo in una moda assertiva che libera il piacere e rifugge le regole rigide e il controllo. Apprezzo la sicurezza di Brigitte Macron che mostra le gambe in modo disinvolto, nonostante qualcuno ritenga che ad una certa età non si debba fare. O la grinta di Michelle Obama che come first lady, anziché soffermarsi sul ruolo, ha puntato sulla persona e ha avuto il coraggio di indossare abiti senza maniche con colori squillanti adeguati alla sua identità (ignorando i decenni di colori pastello alla Casa Bianca). O la determinazione di tutte quelle donne e quegli uomini che indossano ogni giorno ciò che li fa sentire bene e che è in sintonia con il loro sé, senza lasciarsi condizionare.

Perché dovremmo accettare di conformarci come marionette alle regole di chi ci dice cosa fare e cosa non fare? Siamo così insicuri da aver bisogno di una “cattiva madre” che limita il nostro spazio di azione e detta le regole che dobbiamo rispettare, anche quando non ci piacciono, per non sentirci un “bambino cattivo”?

I passi psicologici per liberare il piacere nel rapporto con la moda

Il piacere, a differenza della vergogna, conduce ad un approccio creativo nella soluzione dei problemi, che porta con più facilità a trovare il proprio stile ideale.

  1. Accetta il tuo corpo come espressione della tua identità. Per avere benessere è necessario essere in contatto con il proprio corpo e che ci sia sintonia tra immagine esteriore e realtà del corpo. È il corpo che ha bellezza e grazia, che sperimenta la gioia, il piacere, e si lascia andare alle sensazioni.  Quando ci identifichiamo con il nostro corpo la nostra personalità è unita e in equilibrio.
  2. Conosci il tuo sé. Solo quando siamo consapevoli di noi stessi e del nostro corpo riusciamo ad esprimerci attraverso gli abiti. Usa la moda per esprimere la tua identità e la tua originalità.
  3. Riconosci il principio del piacere. Il piacere è l’esperienza interiore e soggettiva della salute. La bellezza è l’immagine del piacere. Ascolta i consigli, osserva gli altri, ma indossa solo ciò che ti piace, ti fa sentire bene e ti dà gioia.
  4. Accetta le tue sensazioni. La bellezza e la grazia sono mete da raggiungere e ci conducono alla gioia. Gioca con la moda e costruisci creativamente il tuo stile con gli abbinamenti che ti piacciono di più.
  5. Coltiva la tua libertà. Non lasciarti condizionare dal giudizio degli altri e non cercare la perfezione. Ascolta i consigli, ma mantieni la tua autonomia di giudizio. Solo così il tuo corpo può diventare un “campo di forze” che comunica con gioia la tua individualità. Non importa indossare un capo griffato o all’ultima moda per essere felici. Basta scovare nel nostro armadio o nei negozi qualcosa che ci faccia sentire speciali. Qualcosa che ci faccia pensare “questo è il capo perfetto per me” perché esprime la mia identità.

Concludo  con Erica Jong: “Che sia benedetta la moda che ci rende volubili e leggere anche quando vorremmo essere profonde”. Riscopriamo la leggerezza della moda!

Perché scegliere una psicologa della moda per liberare il piacere

Se hai bisogno di un supporto per riportare il piacere nel tuo rapporto con la moda, ricorda:

  • una psicologa della moda non ti dirà cosa indossare e cosa non indossare, e non giudicherà il tuo look, ma lavorerà con te per trovare lo stile giusto per comunicare la tua identità
  • una psicologa della moda, non lavora solo sulla tua immagine, ma si concentra sulla tua psiche e sulle emozioni
  • soltanto una psicologa della moda ha gli strumenti adeguati per aiutarti a migliorare il rapporto con il tuo corpo e capire la tua personalità e la tua identità
  • se il tuo obiettivo è il benessere e non solo l’immagine, scegli una professionista che può aiutarti a rendere più forte la tua autostima con abiti e tacchi.
Share
By Paola Pizza, 12 Gennaio 2020
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

about paola
Paola Pizza

Ciao, sono Paola Pizza,
psicologa della moda.
Nel lavoro ho unito due grandi passioni: la psicologia e la moda.
Iniziamo insieme un viaggio tra i significati profondi della moda.

Continua a leggere...






Vuoi comparire in questo spazio pubblicitario?
Contattami